sabato 6 maggio 2017

Una multa di 1200 euro infrange i sogni dei possessori di hoverboard e monopattini elettrici

p.s.: un consiglio ai ragazzi...scappate da questo paese di merda finche' siete in tempo



di Roberto Pezzali

Succede a Trento: un giovane che stava usando un hoverboard per spingere un passeggino è stato multato di 1200 euro dalle Forze dell'Ordine. Un precedente che rischia di affossare un mercato emergente.

Perché spendere 500 euro per un monopattino elettrico, uno skateboard o un hoverboard se poi si può circolare solo nel giardino di casa? Quello che è successo a Trento rischia di mettere la parola fine al mercato degli hoverboard e dei nuovi veicoli per la mobilità urbana che sono comparsi nei negozi: 1200 euro di multa e 5 punti sulla patente?!?! per aver utilizzato sul suolo pubblico un hoverboard, anche a bassissima velocità. E’ questa la sanzione che i vigili hanno comminato ad un giovane che spingeva il passeggino, e oltre alla multa è arrivata pure il sequestro del mezzo.



Fatta eccezione per le biciclette a pedalata assistita, che sono normate dal codice della strada, hoverboard, monopattini, skateboard e tutti gli altri acceleratori di velocità non sono normati affatto, una sorta di buco al quale nessuno ha ancora posto rimedio. Come avevamo scritto ai tempi della prova del Nilox Doc “l'articolo 190 del Codice della strada indica che la circolazione mediante tavole, pattini od altri acceleratori di andatura è vietata sulla carreggiata delle strade e che sugli spazi riservati ai pedoni è vietato usare tavole, pattini od altri acceleratori di andatura che possano creare situazioni di pericolo per gli altri utenti. Chi trasgredisce deve pagare una sanzione amministrativa da 25 euro a 99”

Una cifra questa che qualche spavaldo potrebbe anche essere pronto a pagare, ed effettivamente quando abbiamo provato pure noi il Doc di Nilox su una pista ciclabile abbiamo pensato che, nel peggiore dei casi, avremmo pagato una multa comunque contenuta.



In realtà a Trento è stata applicata la legge nel migliore dei modi, perché l’hoverboard non è stato considerato un acceleratore di velocità ma un motorino vero e proprio.

La circolare ministeriale del Dipartimento Trasporti Terrestri di Roma n. 300/A/1/46049/104/5 stabilisce infatti che ai sensi del disposto del D.M. 31 gennaio 2003 di recepimento della Direttiva 2002/24/CE i veicoli a motore a due o tre ruote aventi una velocità massima superiore a 6 km/h e che non siano velocipedi a pedalata assistita, né costruiti per uso di bambini o invalidi, sono da ricomprendersi a seconda delle prestazioni e delle caratteristiche costruttive tra i ciclomotori o tra i motoveicoli. Pertanto, essendo ciclomotori, sussiste per i predetti veicoli l’obbligo della procedura di omologazione ( D.M. 2 maggio 2001 n. 277 ) e la loro circolazione è consentita subordinatamente al ricorrere dei requisiti individuati negli articoli rispettivamente 97 (formalità necessarie per la circolazione dei ciclomotori) e 93 ( formalità necessarie per la circolazione degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi) del Codice della Strada.

Servono quindi targa, assicurazione, casco e certificato di assicurazione, ed ecco come sono stati divisi i 1200 euro: 849 euro per l’assicurazione, 155 euro per il mancato certificato di circolazione, 77 euro per la targa e 81 euro per il casco. La mazzata finale arriva con la confisca del mezzo e con 5 punti in meno sulla patente.

La legge è stata applicata in maniera sacrosanta anche se ora il giovane si rivolgerà al Giudice di Pace facendo ricorso: possibile che da nessuna parte sia scritta questa cosa?



Effettivamente basta andare sui siti dei principali marchi e dei principali rivenditori di questi prodotti per vedere che da nessuna parte vengono citati questi limiti e probabilmente anche nei negozi sono a conoscenza dell'intera legge. Qualcuno si limita a dire che non può essere usato su strada accennando alla sanzione amministrativa fino a 99 euro, ma l’applicazione della Direttiva Europea è sacrosanta e se viene applicata come hanno fatto a Trento la multa lievita a 1200 euro, con 5 punti in meno sulla patente e sequestro del mezzo.

Resta da vedere se il ricorso verrà accolto o respinto, ma quel che è certo è che questa multa pesa come un macigno su un settore emergente. Come è stato fatto per le biciclette a pedalata assistita in ottica di mobilità green sarebbe il caso di creare una normativa dedicata ad alcuni di questi veicoli, con un aspetto legato alla sicurezza di chi guida e degli altri mezzi sulla strada. Fino ad allora ci troviamo di fronte a mezzi green, a tratti bellissimi ma anche inutili, se non per un giretto nel giardino di casa.

www.dday.it